UNA BREVE AVVENTURA IN THAILANDIA

postato in: Asia, Viaggi | 0

Una breve avventura in Thailandia nella natura incontaminata

La mia breve avventura in questo paese del sud-est asiatico inizia a Bangkok, la capitale. Qui si mischiano i palazzi ultramoderni e le vie frenetiche a zone periferiche molto più tranquille e con uno stile di vita del tutto differente. Ho deciso di visitare la Thailandia per godere delle bellezze sia naturali che architettoniche che la formano. Ci sono tantissimi templi nella città principale con al loro interno, rappresentato in ogni forma, Buddha. Una breve avventura in Thailandia nella natura incontaminata non può iniziare prima di aver visitato vari luoghi come il Wat Arun, il Wat Phra Kaev e il Wat Pho (Wat sta per tempio Buddhista) e il grande palazzo reale. Quasi mi perdo girando per le strade piene di gente e sento un profumo che mi pervade, così, con l’acquolina in bocca, decido di fermarmi a bordo strada e assaporare alcuni piatti tipici direttamente nello street food thai a prezzi irrisori per noi occidentali.

Cosa ti piace mangiare?

Fortunatamente sono di bocca buona e mangio letteralmente di tutto. Ovvero amo degustare i piatti e i cibi tipici che ogni luogo mi offre. Credo che sia una delle più belle sensazioni che ci possa essere quella di scoprire sapori e odori nuovi, mai sentiti prima. Amo il Tom Yam, il Pad Thai di qualsiasi tipo e il Durian, un frutto che per molti è orribile e puzzolente e in molti luoghi chiusi, come ad esempio in hotel, non può essere portato con cartelli di divieto appositi all’ingresso. Mangiare i cibi del posto mi fa sentire una persona nuova. Immaginate di andare a Napoli e non provare la pizza, o di venire a Bergamo e non assaggiare la polenta col coniglio. Sarebbe come parlare con ragazzi di altre culture e chiudersi nel proprio guscio a prescindere, senza ascoltare i diversi punti di vista. Solo dopo puoi dire se fa per te oppure no una determinata cosa. Mai precludere nulla. E questo vale per il cibo, per le persone, per la cultura, insomma per qualsiasi cosa.

Cosa vedere nella natura

Dopo qualche giorno nella trafficata capitale mi sposto in aereo verso l’isola di Koh Samui, un’isola turistica, ma che riserva delle zone poco conosciute e inesplorate. Il clima durante il periodo di agosto è ottimo e prendo una stanza vicino al mare per dormire e fare la doccia. Il mio obiettivo è quello di vedere i luoghi stupendi che si vedono nei documentari o sulle riviste di viaggi. Ecco alcuni posti che vi consiglio di visitare: Blue Lagoon, il parco nazionale Ang Thong, il grande Buddha, le varie spiagge non turistiche (se noleggiate una moto potete spostarvi con tranquillità e raggiungere luoghi isolati) e le cascate Na MUang.

Una citazione ad hoc

“Non vi è un fanciullo, non un uomo forse, che non abbia in fondo sognato di essere un Robinson, e, se non di vivere solitario in un’isola deserta, almeno di rifare lui stesso, ripartendo dalla fonte, i propri alimenti e i propri abiti.”
(Maxence Van der Meersch)

Traffico nella città di Bangkok
Giro turistico sul tuk-tuk
Una breve avventura in Thailandia: il grande Buddha
Il bellissimo parco nazionale Ang Thong
Il monaco buddhista mentre mi stringe un braccialetto
Nuovi amici a spasso sul braccio

Vuoi vedere tutte le foto dei miei viaggi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.