Una splendida giornata sui Piani dell’Avaro

postato in: Viaggi | 0

Una splendida giornata sui Piani dell’Avaro in tenda

La mia ragazza ed io decidiamo di trascorrere una splendida giornata sui Piani dell’Avaro in tenda. Partiamo da Cusio, paesino della Val Brembana, sabato intorno alle 14:30. Lasciamo l’auto in uno dei piccoli parcheggi nel centro del paese e ci dirigiamo zaino in spalla verso i Piani dell’Avaro. Inizialmente saliamo un’interminabile scalinata dove abbiamo la fortuna di vedere uno scoiattolo e successivamente entriamo nel sentiero CAI 109B. In un’ora e mezza raggiungiamo i Piani dell’Avaro, che si possono raggiungere anche in auto grazie alla strada asfaltata. Decidiamo di trovare un posto comodo e panoramico per montare la tenda dove trascorreremo la notte. Ci fermiamo sopra un promontorio che domina i Piani e da dove è possibile vedere il tramonto e l’alba. Montata la tenda scendiamo verso il Rifugio e ci fermiamo a fare un ricco aperitivo al bar ‘Al Ciar‘. Prendiamo uno spritz e una birra media accompagnati da patatine, pane con olio, formaggio e salame per soli 7.50 euro.

Un tramonto indimenticabile

Finito l’aperitivo risaliamo verso la nostra tenda e osserviamo tante marmotte che se ne stanno comode all’ingresso delle loro tane. Le più temerarie corrono muovendo la coda in modo divertente da una tana all’altra, sempre tenendo gli occhi aperti perché qui, su questi monti, c’è il falchetto. Dopo aver goduto di questi animali iniziamo a preparare la tenda con tutto l’occorrente per trascorrere la notte. Le ragazze del bar ci hanno detto che l’umidità è tanta e ci imbacucchiamo per bene. Il sole inizia a scendere e lo spettacolo è unico!

Il freddo della notte

La temperatura piano piano scende ed è necessario coprirsi con maglia termica, felpa, k-way, scaldacollo e sacco a pelo per impedire all’umidità di passare. Siamo a circa 1800 mslm e la temperatura di notte è davvero bassa. Ci svegliamo la mattina e notiamo che la tenda è coperta di rugiada. Spremendola potremmo riempire la borraccia di un litro di acqua.

Un nuovo giorno

Di buon mattino, svegliati dai primi raggi del sole, scendiamo al bar che dista 15 minuti a piedi per scaldarci e fare colazione. Il tempo non è dei migliori, ma decidiamo ugualmente di raggiungere i laghi di Ponteranica a quota 2115 mslm. Quindi smontiamo la tenda, che lasciamo in uno stanzino del bar e ci incamminiamo con lo zaino piccolo verso i due laghetti. La durata del tragitto, con un’andatura media, è di circa 1 ora e 20 minuti. A metà del sentiero c’è il bivacco Baitel, molto bello ed attrezzato. Saliamo fino ai laghi mentre le nuvole coprono quasi completamente il cielo sopra di noi. Ci fermiamo per pranzare e godere di un po’ di pace. Poi facciamo ritorno, prima ai Piani dell’Avaro e successivamente a Cusio.

Buona camminata e disfruta tu Vida

Enrytraveller

La marmotta osserva i Piani dell’Avaro
Tramonto dalla tenda
Tramonto dai Piani dell’Avaro
Bivacco Baitel
Lago basso di Ponteranica

Vuoi vedere tutte le foto dei miei viaggi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *